Follow by Email

17 gen 2014

"L’Eternauta": una guida alla lettura (I)

L’Eternauta: Parte I

Pubblicata originariamente tra il 1958 e il ’59 sulla rivista “Hora Cero Semanal”, prodotta in Argentina dalla Editorial Frontiera fondata da Héctor G. Oesterheld e da suo fratello Jorge, la saga de L’Eternauta costituisce non solo uno dei capisaldi della scuola fumettistica sudamericana, ma anche una delle opere più intense mai espresse dalla narrativa disegnata mainstream occidentale.

Scritto dallo stesso Oesterheld, punto di riferimento imprescindibile per qualsiasi sceneggiatore di scuola latino-americana, e disegnato, con tratto materico e sanguigno, da Francisco Solano López, L’Eternauta è strutturato come un vero e proprio feuilleton fantascientifico ambientato a Buenos Aires, che pone le sue radici narrative nel romanzo La guerra dei mondi di H.G. Wells (e nella bella e fortunata versione cinematografica di quest’opera, prodotta nel 1953 da George Pal), distaccandosene, però, ben presto per originalità e finalità.

In breve, l’Argentina, e, si presuppone, il resto del continente sudamericano, subiscono un’allucinante invasione aliena. I terrestri vengono quasi subito annientati dagli effetti di una terrificante nevicata radioattiva, ma un gruppo di superstiti – tra i quali spicca il protagonista, Juan Salvo – intraprende la lotta per la sopravvivenza e il riscatto tentando di imbastire una qualche forma di resistenza. Con conseguenze tanto tragiche quanto sorprendenti.

L’Eternauta del ’58-’59 (conosciuto anche come L’Eternauta: Parte I) è un’opera di intrattenimento sebbene densa di sottotesti politici che, col trascorrere dei decenni, hanno finito per acquisire un’importanza superiore rispetto a quella che avevano originariamente. Pubblicato in un caratteristico formato orizzontale, tipico di molte riviste dell’epoca, il lavoro di Oesterheld e López giunse per la prima volta in Italia intorno alla metà degli anni Settanta, serializzato sulla rivista antologica “Lanciostory”, allora prodotta dall’Eura Editoriale.

Per adattare la storia al formato verticale del periodico, gli editor dell’Eura ne produssero un rimontaggio affidato a Ruggero Giovannini, ottimo disegnatore e valente art director. Una soluzione che, pur intervenendo pesantemente sulla struttura tecnico-stilistica originaria del racconto – a anche sul finale, parzialmente modificato – riuscì a non alterarne l’intensità narrativa, restituendola intatta a una platea di lettori che ne decretò l’indiscutibile successo.

Nel 1979 fu la casa editrice Comic Art a rilanciare in Italia L’Eternauta: Parte I nel formato orizzontale attraverso un’edizione integrale in due volumi che, però, faceva riferimento a una ristampa argentina non basata sulla ricostruzione filologica delle tavole originali di López.

La versione della Comic Art de L’Eternauta: Parte I ha avuto sempre una circolazione assai limitata, diretta ad amatori e collezionisti, e per diversi decenni è stata l’edizione dell’Eura Editoriale quella di riferimento per il vasto pubblico. La publishing house romana (adesso Editoriale Aurea) l’ha infatti proposta più volte: sotto forma di inserto rilegabile sul settimanale antologico “Skorpio” (nel 1984); all’interno della collana-ombrello di volumi cartonati “Euracomix” e infine nella collana antologica brossurata “Fantacomix-day” (voll. 1 e 2, 1997). Ed è sempre alla versione Eura che hanno attinto le edizioni Repubblica-L’Espresso quando, nel 2003, hanno deciso di presentare L’Eternauta: Parte I sul numero 29 della collana “I classici del fumetto di Repubblica”.

Nel 2011, però, la 001 Edizioni di Antonio Scuzzarella, forte di un accordo con gli eredi Oesterheld e con Francisco Solano López in persona, ha ristampato per la prima volta in Italia L’Eternauta: Parte I avvalendosi di molte tavole originali fornite dall’artista argentino o recuperate da collezionisti; ripristinando l’originario finale “metatestuale” e corredando il tutto con un ampio apparato redazionale (tra cui figura anche un mio intervento). Graziato da un grande successo di pubblico – è stato per diverse settimane ai primi posti della classifica generale di vendita di Amazon – L’Eternauta: Parte I ha avuto così la possibilità di essere riscoperto da lettori vecchi e nuovi in tutto il suo splendore originario.

Successivamente la 001 Edizioni ha anche realizzato due edizioni per collezionisti a tiratura limitata, racchiuse in un cofanetto di legno e accompagnate da quattro libri d’appendice contenenti un breve e inedito excursus narrativo incentrato su Elena e Martita, moglie e figlia dell’Eternauta; La battaglia della biblioteca nazionale, una storia celebrativa scritta da Juan Sasturain; Operazione massacro, un tragico racconto di Solano López che rievoca il golpe militare argentino degli anni Settanta; alcune short stories di vario genere scritte da Oesterheld e, infine, un’interpretazione personale di alcune tavole de L’Eternauta: Parte I eseguita da due grandi cartoonist italiani – Makkox e Otto Gabos – e dal maestro argentino Enrique Breccia.


Se volete leggere L’Eternauta: Parte I nella sua edizione migliore ed economicamente più vantaggiosa, dovete quindi acquistare:

H.G. Oesterheld – F. Solano López: L’Eternauta, 001 Edizioni, pp. 384, cm. 30,6x23,6, b/n e col., cartonato, € 40,00.

Nessun commento: