Follow by Email

17 mag 2011

Motel Connection booktrailer


Beh, che aspettate ad acquistarlo e a leggerlo?

Motel Connection

Era da diverso tempo che volevo allontanarmi dalla dimensione critica per lasciarmi coinvolgere da un processo creativo legato a un prodotto destinato a un pubblico di massa...
... e l'occasione è giunta grazie a Mauro Garofalo, vulcanico amico che collabora con "Il Sole 24Ore" e che già da qualche tempo sta raccogliendo lusinghieri successi in libreria grazie al best seller "In pArte Morgan" (pubblicato da Eleuthera e incentrato sulla controversa figura artistica dell'ex leader dei Bluvertigo, nonché ex star televisiva del programma "X-Factor") e al romanzo semi-autobiografico "Iolavorointivù" (Alacràn).
Il mio compito era quello di supervisionare il progetto a fumetti incentrato sui Motel Connection, band di musica elettronica comunemente considerata come uno spin-off dei Subsonica (con cui condividono l'ex bassista Pierfunk e il frontman Samuel). In pratica, contribuire a delineare meglio il concept di base, riguardare i testi, proporre scambi di battute, sorvegliare il filo logico della trama, rilevare eventuali errori e così via. In più si è aggiunta una prefazione che potesse introdurre al meglio i lettori nello spirito dell'intera operazione.

A realizzare materialmente il lavoro c'erano lo sceneggiatore-disegnatore Bruno Letizia e gli illustratori Serena Effe e Valerio Schiti, tutti con un background molto forte e idee già sufficientemente chiare. E poi una publishing house - le Edizioni Ambiente, attraverso il loro sub-imprint VerdeNero - coraggiosa e totalmente nuova al mondo del fumetto.

Alla fine, il volume "Motel Connection: H.E.R.O.I.N. - La strada dei supereroi" (il link rimanda all'ottimo special proposto dal sito d'informazione fumettistica Comicus.it) è uscito il 27 aprile scorso - preceduto da uno splendido booktrailer lanciato online - riscuotendo, curiosità, interesse e qualche bella, immediata risposta critica (per i dati di vendita ci vorrà un po' di tempo).
In questa occasione, i Motel Connection si sono ritrovati (Samuel in questo momento è in tour coi Subsonica) per partecipare anch'essi, il 29 aprile - assieme a Mauro, Valerio, Bruno, Serena e il sottoscritto - alla presentazione in anteprima del graphic novel al Napoli Comicon, nelle sale (freddissime, quest'anno) di Castel Sant'Elmo. A riprendere il tutto le videocamere di XL, magazine de "la Repubblica".

Così, nel corso dell'evento - mentre Valerio realizzava pin-up degli alter-ego supereroistici dei componenti della band - i Motel Connection hanno dato vita a una piccola sessione acustica semi-elettronica (grazie ai marchingegni di Pisti) in cui hanno interpretato tre loro cavalli di battaglia: "Uppercut", "Heroin" (il pezzo che dà il titolo al loro ultimo disco e alla storia a fumetti9 e "Two".

14 mag 2011

L'Eternauta al Salone del Libro di Torino


Antonio Scuzzarella e la sua 001 Edizioni hanno presentato l'edizione definitiva de L'Eternauta al Salone Internazionale del Libro di Torino.

Si tratta di un volumone "monstre" di circa quattrocento pagine, cartonato, pieno zeppo di apparati redazionali (interventi di Goffredo Fofi, Gino Frezza, Sergio Brancato, Matteo Stefanelli e del sottoscritto; excursus biografici, contestualizzazioni storiche; ecc.).

Io, tra l'altro, venerdì 13 maggio ho tenuto sull'argomento una lezione all'Università di Napoli "L'Orientale", invitato dal gentilissimo Loris Tassi, docente di Letteratura Ispano-americana.
Lezione di un'ora e mezza alla fine della quale è emersa anche una studentessa intenzionata a sviluppare una Tesi di Laurea sull'argomento col professor Tassi.

Tornando al volume de L'Eternauta, Scuzzarella ha poi realizzato anche una litografia a tiratura limitata colorata dalla talentuosa Barbara Ciardo.

Barbara ha realizzato la cover del libro giocando con le tonalità caldo-fredde. E il risultato è meraviglioso.
Prima ancora, però, la colorista aveva fatto un'altra proposta che, seppur splendida, ritenevamo - per vari motivi - non perfettamente centrata sia rispetto alla resa tipografica del volume, sia per il particolare tono drammatico su cui la storia di Oesterheld e Solano Lopez è incentrata.
Era però davvero un peccato lasciarla inedita perché si tratta di un lavoro estremamente originale, denso di maestria artistica.
Eccovela qui anche se in versione assai ridotta.